mercoledì 11 gennaio 2017

300 anni di combustibili fossili in 300 secondi

Post Carbon Institute presenta: il giro finale sulle montagne russe. Una breve storia dei combustibili fossili.

I combustibili fossili hanno alimentato la crescita umana e l’ingegno per secoli. Ma le riserve di petrolio sono vicine all’esaurimento. Il picco petrolifero del petrolio “leggero”, più economicamente estraibile, è stato già raggiunto nel 2005. Per il petrolio “pesante”, le cui riserve sono più in profondità nel sottosuolo, il picco sarà raggiunto in questi anni, facendo ulteriormente lievitare i prezzi. Le nuove tecniche “non convenzionali”, così come le perforazioni in acque profonde, comportano costi elevati e crescenti per estrarre il greggio residuo. 
Ora che stiamo raggiungendo la fine dell'abbondanza di petrolio e di carbone a buon mercato, accanto al rischio reale di 'cadere da un dirupo', c'è ancora un po' di tempo per controllare il nostro passaggio a un'economia post-carbone.

Rinnovabili, efficienza energetica e difesa del suolo si prospettano come i campi più importanti nei quali investire per salvaguardare il futuro del Paese.



Post Carbon Institute (PCI) è un "think tank" che fornisce informazioni e analisi sui cambiamenti climatici, la scarsità di energia, e su altre questioni legate alla sostenibilità e la resilienza sociale a lungo termine.
I membri del Post Carbon Institute sono specializzati in vari campi legati alla missione dell'organizzazione, come i combustibili fossili, l'energia rinnovabile, cibo, acqua, e la popolazione. 
Post Carbon Institute è costituito da quasi 500 organizzazioni senza scopo di lucro e ha sede a Santa Rosa, California, negli Stati Uniti.