Ambiente


Questa pagina raccoglie la legislazione, i documenti e diversi siti utili per quello che riguarda la materia ambientale, paesaggistica e dei beni culturali. E' un archivio aperto che cercherò di tenere aggiornato e, per quanto possibile, ordinato. Vi invito, pertanto, a offrirmi segnalazioni modifiche o integrazioni.


▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

 DIRITTO AMBIENTALE


▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬
LEGISLAZIONE IN MATERIA AMBIENTALE


   ─────────────────────────────────────────────────────


TUTELA DELLE ACQUE e GESTIONE RISORSE IDRICHE



     ─────────────────────────────────────────────────────

TUTELA DELL'ARIA



    ─────────────────────────────────────────────────────



   GESTIONE DEI RIFIUTI


   ─────────────────────────────────────────────────────
   ─────────────────────────────────────────────────────
   ─────────────────────────────────────────────────────
  • Albo Nazionale dei Gestori Ambientali L'obbligo dell'iscrizione all'Albo grava su tutte le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti, di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio e intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi.
  • CER Catalogo Europeo dei Rifiuti I codici CER sono delle sequenze numeriche, composte da 6 cifre riunite in coppie (es. 03 01 01 scarti di corteccia e sughero), volte ad identificare un rifiuto, di norma, in base al processo produttivo da cui è originato. Il primo gruppo identifica il capitolo, mentre il secondo usualmente il processo produttivo. I codici CER si dividono in non pericolosi e pericolosi; i secondi vengono identificati graficamente con un asterisco "*" dopo le cifre (es. 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose).Ai rifiuti pericolosi va anche attribuita una classe di pericolosità indicata con la sigla HP, seguita da un numero da 1 a 15
  • SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Il SISTRI nasce su iniziativa del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per permettere l'informatizzazione della tracciabilità dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania.
  • Catasto dei Rifiuti (sezione Nazionale) Il Catasto dei rifiuti assicura un quadro conoscitivo completo e costantemente aggiornato in materia di produzione e gestione dei rifiuti urbani e speciali. I dati sui rifiuti urbani, acquisiti dall'ISPRA grazie al contributo delle sezioni regionali del Catasto e, in generale, di tutti i soggetti pubblici detentori dell'informazione, nonché attraverso il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), sono elaborati e pubblicati con cadenza annuale.
  • Catasto dei Rifiuti (sezione Regione Marche) 
  • MUD - Modello Unico di Dichiarazione Ambientale è un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, quelli raccolti dal Comune e quelli smaltiti presso le discariche o avviati al recupero o trasportati nell'anno precedente la dichiarazione.
   ─────────────────────────────────────────────────────
  • CONOE Consorso nazionale di raccolta e trattamento degli gli oli e grassi vegetali e animali esausti gli oli e grassi vegetali e animali esausti sono gli oli e i grassi di frittura esausti provenienti da attività di ristorazione e industrie per la trasformazione degli alimenti. Tale rifiuto è altamente inquinante per l’ambiente e, se disperso in fognatura, causa serie difficoltà tecniche al trattamento dei reflui nei depuratori, oltre ad aumentarne i costi. Raccolto separatamente ed avviato alle industrie del riciclo può invece essere utilizzato per la produzione di biodisel, asfalti o lubrificanti per macchine agricole. Per agevolare la raccolta e l’avvio a recupero di questo tipo di rifiuto è stato istituito con il D.lgs. 22/97 il CONOE.
  • POLIECO Consorzio nazionale per il riciclaggio dei rifiuti dei beni a base di Polietilene
  • CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi è un consorzio privato che esercita un'attività a rilevanza pubblicistica a cui aderiscono oltre 1.000.000 di imprese produttrici e utilizzatrici di imballaggi. Il Consorzio ha segnato il passaggio da un sistema di gestione basato sulla discarica ad un sistema integrato, che si basa sulla prevenzione, sul recupero e sul riciclo dei sei materiali da imballaggio: acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro. CONAI collabora con i Comuni in base a specifiche convenzioni regolate dall’Accordo quadro nazionale ANCI-CONAI e indirizza l’attività e garantisce i risultati di recupero di 6 Consorzi dei materiali: acciaio (Ricrea), alluminio (Cial), carta/cartone (Comieco), legno (Rilegno), plastica (Corepla), vetro (Coreve), garantendo il necessario raccordo tra questi e la Pubblica Amministrazione.
     ─────────────────────────────────────────────────────



CARTOGRAFIA




     ─────────────────────────────────────────────────────


AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA


▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬